Oggigiorno, purtroppo, si assiste a un nuovo rialzo del prezzo del gas metano che si usa normalmente per la produzione di acqua calda sanitaria in casa. Diventa quindi fondamentale imparare a ridurre i consumi.

Ridurre la temperatura dell’acqua

Diverse famiglie italiane hanno preso la buona abitudine di abbassare la temperatura del termostato per evitare di avere consumi troppo alti. Tuttavia, non è sufficiente perché puoi intervenire anche sulla temperatura dell’acqua. È una buona prassi che aiuta a risparmiare che in pochi conoscono e mettono in atto.

In base alla stagione dell’anno, dovresti regolare la temperatura dell’acqua prodotta dalla tua caldaia. In linea di massima, durante la stagione calda, l’acqua non dovrebbe esser più calda di 40° C, invece, quando fa freddo, la temperatura dell’acqua può essere alzata fino a un massimo di 50 – 60° C, quando accendi il sistema di riscaldamento. Per regolare la temperatura è necessario intervenire direttamente sulla caldaia, non dovrebbe esser troppo difficile ma chi non se la sente può chiedere al tecnico della manutenzione e assistenza caldaie a Roma come farlo in autonomia.

Far pulire la caldaia

Tieni però presente che tutte le attenzioni sono pressoché inutili se hai un apparecchio per la produzione dell’acqua calda poco efficiente. Aumentano ora l’efficienza della tua caldaia prenotando un servizio di pulizia da parte di un valido tecnico della manutenzione e assistenza caldaie a Roma. Una caldaia ben pulita priva di depositi che possano ostruire elementi importanti come ugelli e valvole, funziona meglio e quindi consuma meno gas. Significa che chi no fa controllare la sua caldaia da un po’, sicuramente registra dei costi in fattura maggiori.

Sfruttare lavatrice e  lavastoviglie

Lavare a mano piatti o anche i panni non aiuta a risparmiare perché fa consumare un sacco di acqua calda. Al giorno d’oggi, i moderni elettrodomestici hanno dei programmi ottimali che aiutano a pulire perfettamente senza consumare troppo.

Metti tutto in lavastoviglie e, se non l’hai, prima di lavare pentole e padelle, fai un ammollo in acqua calda. Per sciacquare, fai lo stesso: metti in un catino posate e mestoli ancora insaponati e sciacquali in una volta sola, preferibilmente con acqua fredda.

Di Grey